Ilva, canto di Natale. Ferrante prosegue la recita video

www.youtube.com 2012-12-22 16:26:30

 

TARANTO – La concomitanza del Natale con la conversione in legge del decreto che di fatto salva l’Ilva, almeno per il momento, dalla presa della magistratura tarantina, ha nuovamente scatenato l’arte oratoria dei dirigenti del siderurgico. E dopo il duro discorso di martedì, ieri è arrivato quello durante la messa di Natale celebrata nello stabilimento siderurgico di Taranto alla presenza delle maestranze. Protagonista, ancora una volta, il presidente del Cda, Bruno Ferrante. Che dopo aver ricordato i drammatici eventi che hanno colpito la vita del siderurgico tarantino negli ultimi mesi, dalle tragiche scomparse dei due operai Claudio Marsella e Francesco Zaccaria al devastante tornado di fine novembre, è tornato a pronunciare parole molto lontane da quello che dovrebbe essere lo spirito del Natale.

Il ritornello, è sempre lo stesso.“E’ stato messo in discussione il nostro presente, il nostro futuro, il presente e il futuro di un’azienda: ma soprattutto il presente e il futuro vostro e delle vostre famiglie”. Un modo inutile e profondamente scorretto per aizzare gli animi dei lavoratori contro la magistratura e la città, di cui quegli operai fanno parte. Il copione, questa volta, prevede prima il bastone e poi la carota. Con tanto di metafora. “Si sono addensate nuvole di incertezza sui nostri capi e su questo stabilimento. Io mi auguro che questo Natale, che stiamo vivendo tutti insieme, ci possa portare un futuro diverso, delle nuvole più chiare che ci regalino un cielo limpido, pulito, più terso”. Un pensiero che sa di beffa se pronunciato nel giorno in cui il governo riconsegna all’Ilva l’area a caldo per proseguire in quell’attività produttiva che in tutti questi anni tutto ha fatto, tranne che regalarci un cielo limpido e terso. Nuvole sì, tante. Ma certamente non bianche.

Ferrante ha poi ricordato nuovamente i dirigenti e proprietari dell’azienda che si trovano agli arresti domiciliari. Uno di loro, Fabio Riva, è latitante mentre l’ex responsabile delle relazioni esterne, Girolamo Archinà é in carcere. “In questo momento di preghiera e di raccoglimento, vorrei ricordare anche alcune persone che dopo diversi mesi, ancora oggi sono prive della libertà personale. Io credo che in questo momento dobbiamo dedicare un pensiero rispettoso anche a loro”. Nemmeno un cenno alla città, al territorio, ai tanti ammalati: il nulla più assoluto. Ciò detto, restiamo invece quanto meno perplessi in merito all’iniziativa presa dalla Fondazione “Casa Sollievo della Sofferenza-Opera di San Pio da Pietrelcina” di San Giovanni Rotondo. Che quest’anno ha deciso di consegnare alla Caritas diocesana di Taranto trecento pacchi di generi alimentari donati dalla Fondazione, affinché siano distribuiti agli operai dell’Ilva.

Motivo del gesto, “dimostrare la nostra vicinanza a chi in questo momento vede a rischio il proprio posto di lavoro”, ha dichiarato Domenico Crupi, vice presidente e direttore generale della Fondazione. Onestamente, qui siamo alla pura demagogia. Non risulta che alcun operaio Ilva abbia perso il posto di lavoro in questi ultimi sei mesi. Né che rischi di perderlo nel prossimo futuro, vista l’approvazione del decreto che consentirà all’azienda di continuare nella sua attività produttiva. La distribuzione privilegerà le situazioni più problematiche, ovvero le maestranze poste in cassa integrazione: che però entro il 31 gennaio, se non prima, rientreranno tutte al loro posto. “Agli operai Ilva più bisognosi”, anche trecento bottiglie di olio extravergine di oliva da agricoltura biologica prodotto nella masseria “Calderoso”, altra azienda di sussistenza dell’Opera San Pio da Pietrelcina. Ora: non si capisce perché si vuol far passare il messaggio che gli operai Ilva si trovino in una condizione di indigenza.

Per quanto ci riguarda, è un’offesa a questi lavoratori che se mai si troveranno senza lavoro in un prossimo futuro, lo dovranno unicamente all’azienda per cui hanno lavorato onestamente ogni giorno da anni. Non c’è nessun altro motivo o evento drammatico che genererà un’eventualità del genere. Peraltro, in un momento di gravissima crisi economica ed in una città dove si registra il 40% della disoccupazione, la donazione di generi alimentari a chi uno stipendio comunque lo prende, appare davvero fuori contesto. Per non parlare delle tante persone che a Taranto soffrono la povertà e vivono in uno stato d’indigenza.

Ma se proprio per una volta non si è voluto guardare ai poveri reali, e non a quelli ipotetici o immaginari, forse si poteva donare il tutto a chi è costretto, ogni mese, a destinare gran parte del proprio stipendio alle cure dei propri cari ammalati per l’inquinamento. Magari a quei genitori che ogni giorno assistono i loro figli al Moscati di Paolo VI (visto che siamo in tema di santi).Siamo certi però che un gesto del genere, lo faranno gli operai nei confronti dei loro colleghi ammalati o che si trovano in difficoltà per i motivi appena citati. E lo faranno in silenzio, senza alcuna pubblicità: perché soltanto così si è realmente solidali. E gli operai Ilva, da sempre, hanno un fortissimo senso di solidarietà e rispetto per il dolore dei loro colleghi e delle loro famiglie. “La generosità consiste meno nel dare molto che nel dare a proposito” (Jean de La Bruyère – Parigi, 16 agosto 1645 – Versailles, 10 maggio 1696).

http://www.inchiostroverde.it/news/ilva-canto-di-natale-ferrante-prosegue-la-recita.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...