Cig in deroga -stipendi

Ilva: azienda chiedera’ Cig in deroga per 700 lavoratori

AGI) Taranto – L’Ilva avanzera’ per 700 lavoratori la richiesta di cassa integrazione in deroga. Lo ha comunicato l’azienda nell’incontro che oggi pomeriggio ha avuto a Taranto con i sindacati metalmeccanici e che da poco si e’ concluso.
L’Ilva era rappresentata dai dirigenti Gaetano Martino (relazioni industriali) e Giancarlo Quaranta (relazioni internazionali e istituzionali). La cassa in deroga, che si unisce alle altre due procedure di cassa in corso, una ordinaria per crisi di mercato, l’altra per calamita’ naturale (il tornado dello scorso 28 novembre), era gia’ stata annunciata dall’Ilva nelle settimane scorse, ma mai formalmente chiesta alla Regione e quindi mai autorizzata .

Ilva: incontro azienda-sindacati, pagamento stipendi l’11 gennaio

Taranto, 8 gen. (Adnkronos) – Verranno pagati con un giorno di anticipo rispetto al solito, l’11 gennaio anziche’ il 12, gli stipendi dei lavoratori dello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto. E’ quanto si apprende dal segretario territoriale della Fim-Cisl, Mimmo Panarelli che ha partecipato, insieme ai rappresentanti degli altri sindacati, questo pomeriggio, a un incontro con il responsabile delle relazioni istituzionali del gruppo Riva Giancarlo Quaranta e al responsabile del personale del siderurgico Enrico Martino, dopo le preoccupazioni espresse nei giorni scorsi proprio sul paventato ritardo del pagamento degli emolumenti. “Questo problema e’ superato”, spiega Panarelli. Durante la riunione si e’ discusso della questione dei 2.400 lavoratori della fabbrica che in questo momento sono in cassa integrazione, un migliaio dei quali a causa del blocco dei prodotti finiti, circa 130 a causa della violenta tromba d’aria che il 28 novembre ha colpito l’azienda e il resto per problemi di crisi congiunturale del settore dell’acciaio che dura dal 2008. “Siamo preoccupati del fermo dei prodotti finiti”, aggiunge. Si tratta di un milione e 700 mila tonnellate di acciaio ferme in parte nei capannoni e in parte all’aperto. Oggi il Tribunale del Riesame si e’ riservato una decisione sulla richiesta di dissequestro avanzata dall’azienda.

http://bari.repubblica.it/dettaglio-news/19:29/4281568

(08 gennaio 2013 ore 19.32)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...