Cittadini e lavoratori liberi e pensanti

 

Quanto acciaio ha potuto produrre l’ilva di Taranto nei 4 mesi in cui non ha rispettato il sequestro senza facoltà d’uso ai fini produttivi?

Circa 3 milioni di tonnellate e ne troviamo conferma anche sul sito dell’Ilva Taranto che nell’anno 2008 afferma di aver spedito 9 milioni e 152 mila tonnellate di acciaio. (http://www.ilvataranto.com/inumeri.aspx).

Pochi mesi fa all’interno dello stabilimento sono stati sequestrati materiali finiti e semilavorati per 1 milione e 700 mila tonnellate.
L’Ilva da pochi giorni ha richiesto lo sblocco di parte di quel materiale (800 mila tonnellate) perchè afferma che questa quantità sia riferibile alla produzione precedente al sequestro dell’area caldo senza facoltà d’uso ai fini della produzione avvenuta il 26 luglio 2012.

I numeri danno torto all’Ilva, anzi la mettono nei guai dopo questa ulteriore richiesta che è un oltraggio all’intelligenza comune ed alla conoscenza da parte degli operai del proprio lavoro.

Piuttosto che chiedere il dissequestro di parte del materiale, l’Ilva potrebbe spiegarci invece dove è andata a finire tutta la merce non sequestrata prodotta in quei 4 mesi? Ci mancano all’appello 1 MILIONE E 300.000 MILA TONNELLATE DI ACCIAIO.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...