Ieri, domenica 22, picco di IPA elevatissimo a Taranto

Chiediamo a Vendola (oggi interrogato in Procura) se fa bene ai nostri bambini continuare così
23 dicembre 2013 – Alessandro Marescotti

diagramma ipa taranto

diagramma ipa taranto
Autore: alessandro marescotti
Fonte: peacelink
Copyright © alessandro marescotti

Licenza: CC Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0

Come si può vedere dalla foto allegata, le emissioni derivanti dall’area industriale ieri notte erano evidenti. 

E in quelle ore abbiamo misurato valori elevatissimi di IPA, gli idrocarburi policiclici aromatici potenzialmente cancerogeni.

Il picco è arrivato a oltre 500 manogrammi a metro cubo in una posizione periferica della città (zona Bestat) che si trovava sottovento e in cui eravamo posizionati effettuando misurazioni ambientali.

 

Ieri abbiamo registrato in città nella zona via Dante – Bestat una media elevata di IPA: 55,6 nanogrammi/m3. E’ la media di 4512 misurazioni ambientali effettuate da PeaceLink.inquinanti sulla città di taranto

inquinanti sulla città di taranto
Autore: caterina bonavoglia
Fonte: profilo facebook
Copyright © caterina bonavoglia

Licenza: CC Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0

 

E’ una concentrazione paragonabile al fumo passivo. Ma questa è la solo la media della giornata di ieri che ha registrato dei picchi di IPA veramente preoccupanti se si ha l’attenzione di disaggregare i dati.

 

Va infatti osservato l’andamento degli IPA durante la giornata, evidentissimo nel grafico fotografato sullo schermo del computer su cui abbiamo elaborato i dati.

 

In fatto più preoccupante è che nel pomeriggio di ieri che si è registrata una impennata di IPA che ha raggiunto e superato quota 500 nanogrammi a metro cubo. Infatti fra le ore 16 e le ore 19 il vento ha cambiato direzione facendo in modo che la città si trovasse sottovento rispetto all’area industriale, ossia fosse investita dall’aria che trasportava le sostanze emesse dai camini.

 

dati ipa taranto

dati ipa taranto
Autore: alessandro marescotti
Fonte: peacelink
Copyright © alessandro marescotti

Licenza: CC Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0

Se alle ore 16 il vento ieri veniva ancora da Sud-ovest e alle ore 19 proveniva da Nord-ovest, ossia dall’area industriale, secondo i dati di meteo.it e quindi ecco che gli IPA potenzialmente cancerogeni sono aumentati fino ad arrivare al picco assurdo di 511 ng/m3 delle ore 20.46.

Vedere grafico allegato PICCO 22 12 2013. La comparazione fra le colonne blu (inquinamento) e rosse (fumo passivo) fornisce a colpo d’occhio la gravità di quanto è accaduto in quel lasso di tempo. Vedere i valori del foglio elettronico di comparazione fra il picco di IPA di ieri e le concentrazioni di IPA da fumo passivo (ultimo file allegato).

Vedere anche il foglio elettronico allegato con tutte le misurazioni effettuate ieri con la strumentazione in dotazione a PeaceLink che è identica a quella utilizzata da Arpa e da ILVA (analizzatore portatile Ecochem PAS 2000).

 

Forniamo queste informazioni in una giornata particolare: oggi viene interrogato Vendola dalla Procura della Repubblica e si riunisce il Consiglio Comunale per discutere anche delle questioni ambientali.

 

Chiediamo a Vendola e ai consiglieri comunali fino a quando dovremo far respirare ai nostri bambini questi picchi potenzialmente cancerogeni?

http://www.peacelink.it/ecologia/a/39524.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...